Disposizioni cantonali dell’ordinanza sui casi di rigori Covid-19

L’8 febbraio 2022 è entrata in vigore la nuova ordinanza COVID-19 casi di rigore 2022. L’ordinanza disciplina le indennità per i costi non coperti sostenuti in relazione ai provvedimenti ordinati dalle autorità per combattere l’epidemia di COVID-19 nei mesi da gennaio a giugno 2022. A seguire sono elencati i principali requisiti a livello federale.

L’impresa:

  1. deve essere stata iscritta nel registro di commercio prima del 1° ottobre 2020 oppure, in caso di mancata iscrizione nel registro di commercio, essere stata fondata prima del 1° ottobre;
  2. deve aver conseguito negli anni 2018 e 2019 una cifra d’affari media annuale di almeno 50 000 franchi;
  3. al momento dell’inoltro della richiesta secondo la presente ordinanza, non deve essere oggetto di una procedura di fallimento
    o di una procedura di liquidazione;
  4. al momento dell’inoltro della richiesta non deve essere oggetto di una procedura esecutiva concernente i contributi alle
    assicurazioni sociali;
  5. deve essere rimasta chiusa per disposizione delle autorità per complessivamente 40 giorni fra il 1° novembre 2020 e il 30 giugno 2021, oppure 
  6. deve dimostrare che nel 2020, in seguito ai provvedimenti ordinati dalle autorità per combattere l’epidemia di COVID-19,
    ha subito un calo del giro d’affari di almeno il 40% rispetto agli anni 2018/2019. 

Per le imprese con una cifra d’affari annuale fino a 5 milioni di franchi, il limite massimo del contributo per le indennità ammonta al massimo al 9% della cifra d’affari media annuale e al massimo a 450 000 franchi per i mesi da gennaio a giugno 2022. Per le imprese con una cifra d’affari annuale superiore a 5 milioni di franchi, il limite massimo del contributo per le indennità ammonta al massimo al 9% della cifra d’affari media annuale e al massimo a 1 200 000 franchi per i mesi da gennaio a giugno 2022 rispettivamente al massimo al 9% della cifra d’affari media annuale e al massimo a 2 400 000 franchi se le imprese hanno apportato nuova liquidità sotto forma di capitale proprio. 

Per sapere quali sono gli ulteriori requisiti che danno diritto al sostegno e avere maggiori informazioni sull’impostazione dei provvedimenti per i casi di rigore potete consultare l’ordinanza. L’attuazione dell’ordinanza spetta come in passato ai Cantoni. In caso di domande a questo proposito siete pregati di rivolgervi direttamente alla vostra associazione cantonale.